mercoledì 10 dicembre 2008

Fumetti in pasto ai coccodrilli! Il 27 e 28 dicembre al castello medioevale di Itri (LT)

Non perdetevi la rassegna di fumetti underground che Lamette Comics ha organizzato per il 27 e 28 dicembre nel castello medioevale di Itri (LT), in contemporanea con il festival musicale Muviments, organizzato contemporaneamente dalla CAGA nella medesima location.
Comics: in esposizione nella torre dei coccodrilli: materiale storico della rivista Frigidaire, tavole originali dei Superamici (Maicol e Mirco, LRNZ, Ratigher, Dr. Pira, Tuono Pettinato), "Campana" di Simone Lucciola e Rocco Lombardi, Epoc ero uroi, la nuova rivista romana di fumetti e sperimentazione, Mad Dog, Marco "About" Bevivino, Little Point. Sabato 27 ore 21: Vincenzo Sparagna presenta la Repubblica di Frigolandia e il suo libro "Frigidaire: l'incredibile storia e le sorprendenti avventure della più rivoluzionaria rivista d'arte del mondo". Nelle due serate, banchetti di fumetti autoprodotti e dell'editoria indipendente: Becco Giallo Editore, Grrrzetic Editrice, Edizioni del Vento, Coniglio Editore.
Musica: sabato 27 - Canes Venatici (space cabaret) + Voci Ad Effetto (due corde vocali elettroniche) + Cristiani & Moneta (danza butoh); domenica 28 - Garbo (pop wave '80) + Above The Tree (post folk sperimentale) + Il Mototrabbasso (viaggio schizzoide nei mondi della musica). In ambo le serate: performance, installazioni, videoarte.

martedì 9 dicembre 2008

Sketching for Registrazioni Italiane


Mentre il Poverello non si decide a postare qualche storia intera del numero 2 per invogliarvi finalmente ad acquistare quello che stà per diventare pura rarità (pochissime copie rimaste e pure scontate, io non ero d'accordo), eccovi un altro sketch fatto per il coproducer di Lamette 5 e su quest'ultima uscita poi pubblicato.
Si soffre molto ma si gode assai nella fase di sketching...
Dammi una lametta che mi scheccio le vene...
Poverello daje un pò...

sabato 6 dicembre 2008

Lamette 4 - Sumo fighters


Ecco la matitta pulita pulita che ha fatto da base per la cover di Lamette 4...

giovedì 4 dicembre 2008

Love me tender... love me blades



In esclusiva per voi bastardi, la copertina e la controcopertina del numero due di Lamette, in versione uncut. Nel senso che ve le mostriamo così come sarebbero state se non avessimo dovuto tagliare in alto e in basso per le solite comunissime esigenze tipografiche.

venerdì 21 novembre 2008

La vita è come una barca (ma non di lunedì)

Per tutti voi fan del tratto acido e psichedelico, il maestro canadese Richard Suicide, in un estratto dalla lunga storia che gli abbiamo pubblicato su Lamette 4. Non vorrei sparare una cazzata, ma mi risulta che a tutt'oggi siamo stati gli unici a tradurlo e pubblicarlo in Italia. Alé!

venerdì 14 novembre 2008

Campana a Teatro

Domani sabato 15 Novembre allestiamo una mini mostra in un mini foier nel mini teatro "Bertolt Brecht" a Formia. Tutto il materiale di lavorazione e gli originali del nostro albetto "Campana". Se potete venite pure, non siete obbligati ad assistere allo spettacolo che tra l'altro ha a che fare con il vino ed è prevista una bevuta a spettacolo finito. Il piccolo teatro si trova in via delle Terme Romane e noi saremo lì dalle 19.00 circa, ci guarderemo lo spettacolo poi ci gustiamo il vino e poi si va via. Per completezza d'informazione lo spettacolo è del Teatro Null di Lubriano (VT) e si chiama Profumo (di)Vino.
Lo schizzo a matita è di Simone.

lunedì 10 novembre 2008

Noise

Proseguiamo con la pubblicazione di materiale inedito in rete.
Ecco un racconto di Roberta Mochi apparso sul primo numero di Lamette, dove ancora non comparivano fumetti.
Illustrazioni di Sbrò.

Noise

di Roberta Mochi

Il rumore è una condizione inalienabile...
piuttosto strano, detto da una muta.
... quello che mi stupisce maggiormente è come possano gli altri non accorgersi di quanto perdono nel parlare sempre.
Stando in silenzio si possono ascoltare molte voci... qualcuno le chiama...
Io preferisco ascoltarle e basta. Senza schemi, senza etichette. Solo noise. Puro.
Quella reminescenza di un linguaggio che non mi appartiene, che gravita ancora nella mia testa, serve a poco. Spezza la lucidità.
Tutti si arrabattano per sfuggire alla vecchiaia, io credo che la vecchiaia non esista. Così come non esiste gran parte delle cose che vedo. Delle cose che si ritiene io debba vedere. Delle cose che sfioro con lo sguardo nel sonno e mi ricoprono in sequenza quando mi sveglio.
Non ho certezze assolute e soprattutto non le cerco, perché non credo nella possibilità di trovarle...
Paranormale, metafisico... tutte cazzate, il rumore è ciò che riconosco.
Tutto qui.
Andare avanti nelle giornate è un'attività stentata... a volte cammino nella speranza di invischiarmi in qualche situazione tesa, la trovo, la inglobo e la mia inquietudine la schiaccia prima ancora che possa dare il meglio di sé.
Come quella volta a Bologna dagli PsYconauti... Vuoi una pasta. Vuoi una pasta. VUOI UNA PASTA.
Nessuna pastiglia, voglio solo rumore. Voglio stordirmi scrostando il cervello con i suoni grigi, stridenti e ghiacciati che mi porta il vento corticale. Intanto ruotare uno strano oggetto, piccolo e seghettato...
l'uomo sotto il portico, che me lo ha venduto, diceva che serve per tagliare i peli del naso... raccapricciante, lui ne aveva moltissimi.
Passeggiare da sola, non mi fa bene... nulla mi fa bene.
... e poi questo dannato mal di testa...
che non passa.
Mai.
Petrolio lucido e agglutinato si concreta in una grafite che si spezza senza fine su una superficie levigata. Un rampino gracchiante mi scassa le pareti della scatola cranica. Le scioglie per renderle poltiglia collosa e riassemblarle.
E non riesco a farlo smettere!
Prima della 180 mi avrebbero fatto una lobotomia.
Manifestazioni sintomatiche attuali fisiche e psichiche:
Il paziente del 47 è oltremodo trascurato, si ostina ripetutamente a non parlare.
Diagnosi:
Demenza precoce. Schizofrenia?
Cura pratica:
Dagli esami clinici si è potuto stabilire che la patologia non ha origini organiche; visti gli scarsi risultati ottenuti con l'elettroshock, consigliamo un intervento immediato e parziale sul lobo
prefrontale a scopo di isolare le fibre associative della sostanza bianca, spezzando le connessioni fronto-talamo-ipotalamiche, riducendo gli effetti morbosi di cui sopra.
No, No NOOOOOOOO.......
Dio per favore nO! Dott. Moniz, la pregoooooooooooo
"Avete assicurato il paziente alle cinghie? L'operazione è estremamente delicata...non possiamo permetterci di commettere errori, i risultati della nostra terapia dipendono anche da questo."
"Bene... gli attrezzi chirurgici sono pronti... osservate come inserendo il rampino sotto la palpebra sinistra..."
Il suono che emette un rompighiaccio sterile, entrando sottile fra il globo oculare e la palpebra non è nulla, paragonato al tonfo del mazzuolo chirurgico che lo accompagna. La pressione spinge attraverso il tetto dell'orbita, fino a raggiungere il lobo frontale. Muovendo lateralmente la punta del rampino puoi sentire scricchiolare il taglio laterale, lo strumento gratta e gratta, portando via le tue emozioni. Nessuno può udire le mie conversazioni e le mie voci, neppure dalle mie espressioni ormai. Piuttosto tutti notano un miglioramento nelle mie condizioni.
Eppure dopo l'operazione non hanno smesso di urlare... solo, a tratti, bisbigliano. Ed è incredibile come non abbia mai avuto manie suicida ma, al mattino adesso, all'ora della visita, sentir parlare lo psichiatra mi fa venir voglia d'impiccarmi, sapendo che non avrò mai la possibilità di sgozzarlo.
Il rumore, il rumore a volte continua a farmi impazzire... resistere al mondo di fuori è talmente semplice, resistere al martellamento dentro la mia testa, invece... a questo continuo sgocciolio sembra impossibile.
Strappo una bustina di nimesulide granulato, 100 gr che si impastano in un bicchiere d'acqua, sfrigolando come a contatto con un ferro rovente.
Va meglio. Quel tanto che basta per illuminare alcuni pensieri.
Prima della lobotomia mi avrebbero bruciata come strega.
Agli atti:
L'accusata è stata condotta davanti a questa Altissima Corte che giudica per mano di Urbano VIII, dopo essere stata sorpresa a proferire le immonde invocazioni che seguono: Palas aron ozinomas/baske bano tudan donas/Geheamel cla orlay/Berechè patntaras tay. Portata qui è stata calma per un tempo assai lungo e, benché la si chiamasse, essa non ha risposto nulla, il suo viso non si è mai colorito, non ha versato mai una lagrima. A tutte le domande, essa non risponde, rifiutando quindi di abiurare il demonio. L'ostinata volontà di non proferir verbo, seppure dopo i numerosi tentativi di questa Santissima Corte e l'ausilio del ferro per mortificarne la carne corrotta, ci induce a rimetterla ad un Giudizio più Alto. La si condanna quindi alla prova dell'acqua.
L'Inquisitore eccitato mi fa pungere con aghi in tutto il corpo per trovare il Signum Diabolicum cioè il marchio di Satana, in sostanza, una parte del corpo insensibile al dolore.
Non riceve neppure un sibilo, in cambio. Allora personalmente mi taglia i capelli con un coltellaccio intorpidito e ossidato, stappandoli quasi, lasciandoli cortissimi e neri; mi stringe i polsi con una corda rozza e sporca... poi fa lo stesso con le caviglie; i nodi duri mi sfrigolano sulla pelle, bruciano ma non come i ceppi di ieri, no, non come il ferro delle pinze che ha usato ieri.
Mi spinge gettandomi in acqua. Sono sotto ed è torbido e ovattato, tutto rimbomba e le sagome si confondono ma i bisbigli urlano senza fiato e non si arrestano, si attenuano, a tratti, per poi replicare più forte...
C'è un solo momento nella giornata in cui finalmente mi sento fuori dalla trappola.
In cui non importa se fare sesso è una realtà troppo remota. Importano solo le mie mosse, che si snodano, torpide e sintetiche. Solo per me.
Senza che nessuno si permetta di appropriarsene.
Salgo piano le scale che scricchiolando portano al soppalco, dove tengo gli oggetti che non servono più. Dove nessuno sale, tanto non c'è nulla da vedere, e l'odore è ambiguo al punto che non se ne sfiorano le sfumature. Neppure io riesco più a distinguere gli oggetti, la polvere copre quasi tutto, tranne le impronte lasciate dai miei piedi scalzi.
Mi chino e infilo una mano sotto a un letto sfatto. Con le dita aggancio la scatola di alluminio conservata sotto la rete, scivola verso di me, seguendo i solchi che la pratica ha lasciato sul legno del pavimento. La cullo un po', questa dolcissima scatola scordata da tutti.
"Cosa devi farne?"
... ne ho bisogno, mi serve...
"Vuoi usarla per custodire le tue cose?"
... le cose più care...
"Quella mossa col visetto è un sì?"
... non ne posso più, finiscila e dammi la scatola...
" Va bene, prendila pure, la mamma ha capito"
... non ho ancora i tuoi amati tre anni, mammina. Vabbe', fa lo stesso. Ma smettila di parlare.
Adesso che è qui, sulle mie ginocchia, la apro piano, con dolcezza, annusandone lentamente e in profondità il sapore violento e inebriante.
Un aroma diverso, corposo e decadente, marcio, pulsante, tetro.
Estraggo dalla tasca il lungo tubicino di plastica, ho dovuto cambiare gli aghi, si erano incrostati un po'... ogni tanto bisogna farlo altrimenti si ostruiscono e addio...
Infilo uno di quegli aculei nell'arteria femorale ma non è più così facile... la pelle si è fatta dura, coriacea, si è ispessita, ed è quasi nera, bordata di ocra e viola. Devo premere con forza prima di vedere l'asticciola di acciaio insistere e scivolare, dalla pressione all'invasione. Fa un po' male, prude... ma non è necessario stare a sentire.
Adesso bisogna escludere tutto. Anche il dolore, che non è molto, poi.
La trasparenza della plastica si inonda di rosso cupo; metto l'altro ago al suo posto e il mio piccino inizia a succhiare.
Avevi fame?
Dio, io ne avevo tantissima... avevo così bisogno di te. Affondo nel nulla tutto il giorno, ed è sempre più difficile risollevarsi per tornare a casa. Ho bisogno di te, non lasciarmi, non lasciarmi mai. Saremo insieme per sempre, non importa come... sarà ovunque e per sempre.
Se avessi dato retta a loro, i vermi lo avrebbero già consumato. Ho dovuto chiuderlo nella scatola, ho dovuto sigillarlo perché avevo bisogno di giorni per studiare la situazione, per assorbire il problema e poterlo risolvere.
Poi finalmente ho capito: bisognava ossigenare i tessuti.
Purtroppo il tempo non ha voluto assecondarmi e così, quello che subito sarebbe stato facile, una volta iniziata la saponificazione, si è rivelato più lungo ed elaborato.
Ma non era importante, non era importante, non era a s s o l u t a m e n t e importante.
Procurasi il materiale è stato talmente semplice, qui nessuno si domanda il perché delle cose... e a me basta indicare... figuriamoci se la gente si prende la briga di dover tradurre le mie risposte mute!
Questo è un enorme vantaggio...
Il filtro per un acquario non è quanto di più elegante si potesse trovare ma è efficiente... fa tutto quello che ci si aspetta debba fare un polmone d'acciaio, ricicla.
Il riciclo Riciclare la vita senza produrne di nuova, usare il mio sangue sterile
come veicolo di nutrimento ed ossigeno... Certo, non posso dire che questo ammasso melmoso adesso sia proprio quello che amavo, è troppo molle al tatto... gli splendidi occhi gialli si sono liquefatti, come la bava dei tentacoli di un mollusco lasciato a marcire in una vaschetta con poco ghiaccio.
Ma che importa la forma e la carne...
... però si nota ancora qualcosa nel suo corpicino... non è fatto di cartone come quello dei gatti lasciati a seccare ai lati della strada; sotto al sole feroce e in balia dei morsi degli insetti.
Nessuno può toccarlo. Nessuno può portarmelo via. Riposa nella sua scatola di alluminio, aspettando che arrivi la sua mamma a rendere ancora il suo pelo lucente e nero come la notte, come il silenzio.
Aprirlo, svuotare ogni singolo capillare che mi guizzava nelle mani non abituate a tanta vischiosità e poi ricucire tutto, con amore... insomma... ecco cosa. Ci voleva solo un po' di coraggio... per restituirlo a me, di nuovo, ancora, ancora, ancora, ancora, ancora...
Che strana schizofrenia, eppure etimologicamente perfetta, se schiz è spezzato e phrenos è anima o cuore, schizofrenico è solo chi ha il cuore spezzato.
Alcuni frammenti guariscono, se si ha la pazienza di lasciarli rimarginare.
... e poi silenzio.

giovedì 6 novembre 2008

Ancora da Lucca Comics...



Non so se si nota la sfattanza... Grazie, Jason!

martedì 4 novembre 2008

Lamette a Lucca

Lamette a Lucca
Testo del poverello, foto e note di Sbrò...

Diciotto o diciannove ore fa dormivo sul pavimento di un treno diretto a Formia, dopo essermi scolato una bottiglia di rosso in solitario per conciliare il sonno: l´epilogo più scontato che si possa immaginare per una trasferta lucchese risoltasi in quattro giorni di felice vagabondaggio, e di cui mi sarebbe francamente impossibile annotare un diario dettagliato. Non c´è bisogno di conoscermi troppo a fondo per sapere che in queste occasioni riempio continuamente il serbatoio di benzina, e lo faccio deliberatamente. Voglio che al turbine delle emozioni naturali e necessarie si aggiunga dell´altro, e non mi sento affatto colpevole nel prendermi quello che voglio, anzi lo considero un mio diritto e un mio dovere. Mi spiego meglio: a volte si guarda a queste manifestazioni come a delle gran vetrine dove mettersi in mostra, e mentre si è tutti impegnati a rimirare la perizia tecnica di questo o quel tratto, ci si dimentica che il pennarello in fondo non è che la punta dell´iceberg. Avete mai realizzato quanta umanità, quanta bontà ci sia nell´urgenza di comunicare? È una dimensione palpabile, intensissima, di cui ho piena cognizione soltanto nei momenti in cui il down etilico - complice il contatto diretto e assoluto - cede il posto a veri e propri lampi, squarci di sinergie mentali memorabili. E allora mi accorgo di quanto siano ricchi moralmente tutti gli amici con cui Lamette interagisce. È il momento magico in cui quello che a primo impatto sembrerebbe uno zoo di animali sottosviluppati, con ogni esemplare rinchiuso nella gabbietta del proprio loculo-stand, diventa un manicomio elettrico; qualcosa di anarchico e pericoloso. Non voglio citare nessuno perché non voglio far torto a nessuno. Sono tutti ugualmente meritevoli. Meritevoli perché portano avanti le loro cose con coraggio e onestà. Meritevoli perché aspettano solo il "la" per generare conversazioni interminabili e ricche di contenuti. Meritevoli perché quando c´è da autografare un book alla polizia si danno tutti per dispersi. Meritevoli, infine, perché soltanto grazie a loro il fumetto italiano non è ancora sinonimo di teenagers brufolosi vestiti da supereroi, nerds del cazzo che vorrebbero avere la bellezza e la forza e la sincerità che non hanno, e altri prodotti lobotomizzati tipici della società consumistica di tipo giappoamericano che questa Italia di merda - delle masse ripugnanti, frustrate e sentenzianti - vorrebbe propinarci ad ogni costo. Tutto quello che si dovrebbe volere dalla vita è andasse a beve de´ grappini, interagire, essere felici. Chi non ha capito questo per me può anche cessare di esistere. Uno in meno.

Grazie a tutti, vi abbraccio di cuore,

Simone Lucciola alias il poverello.



Il loggiato che ospitava la Self Area




Il distributore automatico di fumetti






Uno dei luoghi che ci ha ospitato





Bimbe contrabbandano Tex a 2 euri





Lucho e signora più angioletto Alex Tirana posano dietro il loculo di Lamette




Oltre il cosplaying: signorina mostra il suo tattoo



Nera ninfa si nutre...





Serpi in petto: Camilla e Giovanna




Stazione di Lucca: Sbrò e Alex Tirana



MaicoleMirco senza Mirco





Il poverello, Fabrizio la Scimmia, AKAB, Jaime la Scimmia



Il sommo pontefice Ratigher fa mea culpa...





LRNZ




Dettagli fetish gradevoli...





Il nostro loculo alla fine della fiera

mercoledì 29 ottobre 2008

A Lucca , a Lucca!

Domani io e Simone partiamo per Lucca.
A fare che direte voi, provate ad indovinare dico io.
Per i più sprovveduti da domani c'è Lucca Comics and Games, la più importante manifestazione sul fumetto in Italia.
Ci saremo con un banchetto nella Self Area, allestita per chi come noi autoproduce le proprie cose.
Venite a trovarci per conoscerci e scroccarci favolosi sconti, a patto che facciate favolosi acquisti.
Per l'occasione avremo anche a disposizione "Antropoide" e quel che resta di "Nervi", rare perle prodotte dal nostro Andrea Grieco.
L'evento comincia domani e termina domenica 2 Novembre, al nostro ritorno ricco reportage...

Sbrò

lunedì 27 ottobre 2008

Lamette 1 - The right taste...

Ed ecco riesumate anche le copertine in bianco e nero di Lamette 1...


domenica 26 ottobre 2008

Le lamette mi salvarono la testa ma non il culo...

...è per l'appunto il sottotitolo di prima e quarta di copertina della prima uscita di Lamette.
Primo numero cartaceo che non aveva però storie a fumetti ma racconti, interviste ed altri articoli.
Stampato in sole 120 copie le cui copertine in digitale, esisteva anche un'altra versione con la doppia copertina in bianco e nero, quello che Simone definì giustamente un delirio stakanovista del sottoscritto. Questo post è il primo di una serie per riproporre in rete estratti dalle prime uscite di Lamette per chi ancora non ha idea di cosa contiene e per chi non ha mai avuto la curiosità di cercare le nostre pubblicazioni.


Sbrò.


venerdì 24 ottobre 2008

5 anni


Due tavole a fumetti per dire due cose sull'autoproduzione, realizzate da Simone (la prima) e da Sbrò (la seconda) per "5 anni" di Self Comics. Queste tavole insieme ad altre saranno pubblicate in un piccolo albo e distribuito durante Lucca comics, naturalmente avremo delle nostre copie e quindi cercatele in quel di Lucca nella Self Area, che sarebbe quell'area dedicata alle autoproduzioni e agli autori che le realizzano...

giovedì 23 ottobre 2008

Campana 2


Ancora una tavola da Campana, la numero uno: et voilà, il blog è inaugurato...

Campana



Così come all'epoca il poeta autoprodusse i suoi Canti orfici, così noi che ne narriamo le gesta autoproduciamo questo libello a lui dedicato. Come dicevamo l'albo è pronto e sarà disponibile a Lucca comics dove saremo nella self area.
Ecco in anteprima la controcopertina e la seconda tavola di sbrò ( la prima è opera di Simone) , chi è il personaggio ritratto in quest'ultima?